magazine

Non più solo Cina. Il futuro delle IPO è di India e sud est asiatico

Il giro di vite della Cina sulle società tecnologiche sta spingendo gli investitori globali a cercare nuove opportunità in tutta l’Asia, contribuendo a un balzo record delle offerte pubbliche iniziali dall’India alla Corea del Sud.

Le società tecnologiche di questi due paesi e del sud-est asiatico hanno raccolto, secondo quanto riportato da Bloomberg, 8 miliardi di dollari dalle vendite di azioni superando già il precedente picco annuale e l’ammontare è destinato a crescere con le quotazioni pianificate da parte di società tra cui il colosso fintech indiano Paytm e il conglomerato Internet indonesiano GoTo, che potrebbero battere entrambi i record di raccolta fondi locali.

A lungo messo in ombra dai loro omologhi cinesi, questo nuovo gruppo di startup sta guadagnando strada proprio mentre Pechino mette un freno alla quotazione e alle prospettive di crescita in quello che è stato a lungo il mercato IPO più caldo della regione con quotazioni miliardarie, grandi successi e altrettanti flop.

Il risultato è l’inizio di una nuova era per le quotazioni tecnologiche in Asia con gli investitori che stanno già aumentando l’esposizione ai mercati al di fuori della Cina con alcuni acquisti in IPO da paesi come India e Indonesia e gli investitori, che storicamente si sono confrontati con le società cinesi, stanno ora evidenziando somiglianze con altri player globali nella speranza di ottenere i medesimi risultati.

L’assalto normativo della Cina, giunto al decimo mese dallo stop alla quotazione dell’Ipo di Ant Group (gruppo Alibaba) ha ridotto le valutazioni delle società tecnologiche quotate della nazione di quasi il 40% e ha costretto molte startup a sospendere i loro piani. 

Nel frattempo, gli accordi nei mercati più piccoli stanno attirando una domanda eccessiva poiché gli investitori scommettono su popolazioni sempre più esperte di Internet, sulla crescita della spesa dei consumatori e su una nuova classe di imprenditori tecnologici.

È in atto una rotazione del flusso di denaro dalla Cina ad altri paesi dell’Asia che vale la pena di seguire con attenzione al fine di cogliere le migliori occasioni, ma sempre con la dovuta cautela.

Lascia un commento