magazine

Parliamo spesso di FED, ma conosciamo veramente la struttura e funzioni?

Introduzione

Parliamo spesso di Federal Reserve System, soprattutto in questi mesi di crisi dovuta da una eccessiva inflazione e dalla necessità di un intervento restrittivo della politica monetaria, dando però per scontato quale sia la struttura e quali siano le sue mansioni.

Innanzitutto, il Federal Reserve System (d’ora in avanti FED) è la banca centrale degli Stati Uniti. Si tratta di un’istituzione fondata nel 1913 che divenne però operativa solo nel 1916. Nasce come struttura privata indipendente dal governo americano, e ha obiettivi pubblici perseguibili anche attraverso la presenza di privati. Tale indipedenza della Federal Reserve è certificata dal fatto che le decisioni prese dalla banca centrale non vengono in alcun modo ratificate da organi che rispondano al potere esecutivo o legislativo.

Funzioni

La FED Svolge cinque funzioni generali per promuovere il funzionamento efficace dell’economia statunitense e, più in generale, l’interesse pubblico:

  1. conduce la politica monetaria della nazione per promuovere la massima occupazione, prezzi stabili e tassi di interesse a lungo termine moderati nell’economia statunitense;
  2. promuove la stabilità del sistema finanziario e cerca di minimizzare e contenere i rischi sistemici attraverso il monitoraggio attivo e l’impegno negli Stati Uniti e all’estero;
  3. promuove la sicurezza e la solidità dei singoli istituti finanziari e ne monitora l’impatto sul sistema finanziario nel suo complesso;
  4. promuove la sicurezza e l’efficienza del sistema di pagamento e regolamento attraverso servizi al settore bancario e al governo degli Stati Uniti che facilitano le transazioni e i pagamenti in dollari USA;
  5. promuove la protezione dei consumatori e lo sviluppo della comunità attraverso la supervisione e l’esame incentrati sul consumatore, la ricerca e l’analisi delle questioni e delle tendenze emergenti dei consumatori, le attività di sviluppo economico della comunità e l’amministrazione delle leggi e dei regolamenti dei consumatori.

Struttura

La cosa interessante della FED è appunto, che questa, è strutturata in modo da essere decentralizzata e autonoma. In particolare, nello stabilire il Federal Reserve System, gli Stati Uniti furono divisi geograficamente in 12 distretti, ciascuno con una Reserve Bank incorporata separatamente. I confini distrettuali erano basati sulle regioni commerciali prevalenti che esistevano nel 1913 e sulle relative considerazioni economiche che quindi non coincidono necessariamente con i confini dei singoli Stati. I distretti operano in modo indipendente ma sotto la supervisione del Consiglio dei governatori della Federal Reserve.

Come originariamente previsto, ciascuna delle 12 banche di riserva era destinata ad operare indipendentemente dalle altre. All’epoca, infatti, ci si aspettava una variazione nei tassi di sconto, ovvero del tasso di interesse che le banche commerciali venivano addebitate per prendere in prestito fondi da una Reserve Bank. La fissazione di un tasso di sconto determinato (separatamente appropriato a ciascun distretto) era considerato lo strumento più importante della politica monetaria. Non era, infatti, stato ancora sviluppato il concetto di politica economica nazionale e, di conseguenza, l’impatto delle operazioni di mercato aperto – acquisti e vendite di titoli di stato statunitensi – sul processo decisionale era meno significativo.

Man mano che l’economia della nazione americana diventava più integrata e più complessa, grazie ai progressi della tecnologia, delle comunicazioni, dei trasporti e dei servizi finanziari, l’efficace conduzione della politica monetaria iniziò a richiedere una maggiore collaborazione e coordinamento di tutto il Sistema. Ciò è stato realizzato, in parte, attraverso le revisioni del Federal Reserve Act nel 1933 e nel 1935 che,  hanno creato il moderno Federal Open Market Committee (FOMC).

Il Depository Institutions Deregulation and Monetary Control Act del 1980 (Monetary Control Act) ha introdotto un grado ancora maggiore di coordinamento tra le Reserve bank per quanto riguarda la determinazione dei prezzi dei servizi finanziari offerti alle istituzioni di deposito. Vi fu inoltre anche una tendenza tra le Reserve bank a centralizzare o consolidare molti dei loro servizi finanziari e funzioni di supporto e a standardizzarne altri. Le banche di riserva sono diventate più efficienti stipulando accordi di servizio intra-sistema, che assegnano responsabilità per servizi e funzioni di portata nazionale tra ciascuna delle 12 banche di riserva.

Gli estensori del Federal Reserve Act hanno volutamente respinto il concetto di un’unica banca centrale fornendo un “sistema” di banche centrali con tre caratteristiche salienti:

  • un consiglio di amministrazione centrale;
  • una struttura operativa decentralizzata di 12 banche di riserva;
  • una combinazione di caratteristiche pubbliche e private.

Inoltre, sebbene parti del Federal Reserve System condividano alcune caratteristiche con entità del settore privato, la Federal Reserve è stata istituita per servire l’interesse pubblico. Ci sono tre entità chiave nel Federal Reserve System:

  • il Consiglio dei Governatori;
  • le Federal Reserve Banks (Reserve Banks);
  • il Federal Open Market Committee (FOMC).

Il Consiglio dei governatori, un’agenzia del governo federale che riferisce ed è direttamente responsabile nei confronti del Congresso, fornisce una guida generale per il sistema e supervisiona le 12 banche di riserva. All’interno del Sistema, alcune responsabilità sono condivise tra il Consiglio dei Governatori di Washington, D.C., i cui membri sono nominati dal Presidente degli Stati Uniti d’America con il parere e il consenso del Senato, e le Banche e Filiali della Federal Reserve, che costituiscono la presenza operativa del Sistema in tutto il paese. Mentre la Federal Reserve ha frequenti comunicazioni con il ramo esecutivo e i funzionari del Congresso, le sue decisioni sono prese in modo indipendente.

Entità principali e compiti

Come già accennato, nel Federal Reserve System insistono il Consiglio dei governatori della Federal Reserve (Consiglio dei governatori), le banche della Federal Reserve (Reserve Banks) e il Federal Open Market Committee (FOMC) i quali prendono decisioni che aiutano a promuovere la salute dell’economia statunitense e la stabilità del sistema finanziario statunitense. In particolare il FOMC ha il compito di definire le operazioni da compiere sul mercato aperto ed è quindi l’organo attraverso il quale la FED riesce a influenzare i tassi di interesse sui mercati monetari e finanziari.

Altri due gruppi poi svolgono un ruolo importante nelle funzioni principali del Federal Reserve System:

  • istituti di deposito – banche, istituti di risparmio e cooperative di credito;
  • Comitati consultivi del Federal Reserve System, che formulano raccomandazioni al Consiglio dei Governatori e alle Reserve Banks in merito alle responsabilità del Sistema.

Consigli consultivi

Infine, è giusto citare anche la presenza di 4 consigli consultivi:

  • Consiglio consultivo federale (TAF). Questo consiglio, istituito dal Federal Reserve Act, comprende 12 rappresentanti del settore bancario.
  • Consiglio consultivo delle istituzioni di deposito comunitarie (CDIAC). Il CDIAC è stato originariamente istituito dal Consiglio dei governatori per ottenere informazioni e opinioni da istituzioni parsimoniose (istituti di risparmio e di prestito e casse di risparmio reciproche) e cooperative di credito.
  • Consiglio di convalida del modello. Questo consiglio è stato istituito dal Consiglio dei governatori nel 2012 per fornire consulenza esperta e indipendente sul suo processo di valutazione rigorosa dei modelli utilizzati nelle prove di stress degli istituti bancari.
  • Consiglio consultivo comunitario (CAC). Questo consiglio è stato formato dal Federal Reserve Board nel 2015 per offrire diverse prospettive sulle circostanze economiche e sulle esigenze dei servizi finanziari dei consumatori e delle comunità, con particolare attenzione alle preoccupazioni delle popolazioni a basso e moderato reddito.

Lascia un commento